Istruzione, troppi i bambini che non vanno a scuola

L’istruzione è un diritto e anche un dovere. Ogni persona dovrebbe sapere almeno leggere e scrivere, invece purtroppo non è così. Al mondo ci sono ancora milioni di bambini che non hanno un’istruzione.

Secondo un rapporto dettagliato dell’Unesco sono 263 milioni i bambini e ragazzini che non vanno a scuola e che quindi non hanno un’istruzione.

In pratica, giusto per dare un termine di paragone, questo numero corrisponde a circa un quarto della popolazione europea. Di questi 61 milioni sono bambini tra i sei e gli undici anni e se non vanno a scuola significa che non sapranno né leggere né scrivere.

Sessanta milioni sono i ragazzini tra i dodici e i quattordici anni a non andare a scuola. Come si può ben dedurre tutti il resto sono adolescenti che dovrebbero frequentare le scuole superiori e non lo fanno.

In questo caso però, anche se terminano precocemente di studiare (all’età di quattordici anni) almeno sanno leggere e scrivere.

L’Unesco ha stilato questo rapporto evidenziando come a pagare lo scotto di paese di nascita, sesso, condizioni di povertà, eccetera sono più le ragazze. Circa quindici milioni di bambine non frequentano la scuola primaria.

Ma come fanno questi bambini a vivere, a chiedere che si rispettino i loro valori? I loro Diritti Umani se nemmeno sanno leggere e scrivere e quindi non sono in grado di farsi valere? Di difendere la propria libertà.

Lo studio, la conoscenza, l’istruzione, si dice sempre che dovrebbero essere un beneficio per tutti, un diritto, ma non sempre è così.

Istruzione nel Mondo

Ma se da un lato abbiamo i paesi africani con tassi di alfabetizzazione bassissimi e bambini che forse vorrebbero andare a scuola ma non ne hanno la possibilità, dall’altro abbiamo i bambini occidentali che spesso ritengono la scuola sono un luogo dove passare il tempo.

IstruzioneSpesso i genitori moderni considerano la scuola come un parcheggio. I ragazzini dei nostri paesi non comprendono quanto sia importante lo studio, quanto sapere ti possa condurre alla libertà. Si lamentano se i genitori li spingono a studiare, si infastidiscono con gli insegnanti.

Forse nessuno ha spiegato loro a cosa serve studiare, forse non siamo riusciti a trasmettere un concetto importante. Fatto sta che prima o poi dovremmo farlo perché l’ignoranza non perdona mentre l’istruzione aiuta non solo a vivere meglio, ma anche a condurre una vita più serena, con meno problemi e più frecce nel nostro arco.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con le persone che conosci e che potrebbero interessare interessate. Segui IstruzioneFacileDivertenteJuior su Facebook, Twitter, Google+, Tumblr, Instragram e Pinterest.

Lascia un commento, ne saremo contenti e scrivici in redazione (scriviallaredazione@gmail.com) per qualsiasi informazione, curiosità e richiesta.

 

photo credits bambino | Salon

Marina Galatioto

dott.sa Marina Galatioto laureata in letteratura, Musica e Spettacolo. Master di Social Media e Marketing negli States. Collabora con le maggiori riviste di narrativa femminile. Scrittrice e giornalista, sostiene molte iniziative sociali. Sposata con due figli, avida lettrice, ama passare il suo tempo con la famiglia, gli amici e a scrivere romanzi e racconti.

Marina Galatioto ha 12 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Marina Galatioto

Ciao! Lascia un commento

Questo è un negozio di prova; nessun ordine sarà preso in considerazione. Ignora

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: